Vita monastica a Roma nel XIII e XIV secolo. Il complesso di S. Agnese fuori le mura in Virtual Reality

Attraverso un approccio multidisciplinare l’obiettivo del progetto è quello di ricostruire la facies medievale del monastero di Sant’Agnese fuori le mura a Roma in una visione integrata di architettura, arredo liturgico e pittura. A partire dall’esperienza pioneristica del progetto Atlante percorsi visivi (La pittura medievale a Roma. 314-1431) a cura di Maria Andaloro, volto a ricontestualizzare pitture murali e mosaici nelle chiese di Roma con l’ausilio di planimetrie e viste assonometriche, ricreando contesti architettonici puntuali, questo studio aspira ad un’analisi spaziale precisa che oltrepassi il limite descrittivo delle riproduzioni fotografiche.

Combinando ricerca di archivio e studio delle strutture edilizie esistenti con la documentazione dei contesti attraverso la fotogrammetria e il rilievo laser scanner effettuato in situ, l’obiettivo finale del progetto sarà quello di realizzare una modellizzazione 3D del monastero nella sua veste tardo medievale. Questa applicazione punta ad essere sia uno strumento di ricerca sia un ausilio alla visita del monumento. L’indagine ha inoltre attivato la collaborazione tra il Dipartimento di Studi Umanistici ed il Link identifier #identifier__134650-3Laboratorio RilTec del Professor Marco Canciani del Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Roma Tre.

Link identifier #identifier__55789-4Link identifier #identifier__143559-5Link identifier #identifier__68470-6Link identifier #identifier__29835-7
Monica L'Erario 16 Febbraio 2021