20703166-2 - STORIA DELLA LINGUA ITALIANA II L.M.

Il corso mira ad approfondire temi, questioni, autori che, per diversi motivi, rappresentano punti di snodo fondamentali della storia linguistica italiana, interna o esterna. Il posto centrale è riservato all'italiano letterario (antico e moderno), ma non sono trascurati altri usi e registri della lingua, dai linguaggi settoriali alla produzione semicolta, con riferimenti alla complessa situazione geolinguistica del territorio italiano, in cui ancora oggi i dialetti (e le lingue minoritarie) svolgono un ruolo importante. In particolare per le fasi antiche della lingua si punterà alla lettura e al commento di testi in prosa e in poesia di spiccato rilievo. Lo studente dovrà quindi acquisire da un lato una conoscenza approfondita delle vicende storiche della nostra lingua dai primi secoli ad oggi; dall'altro dovrà acquisire sicurezza metodologica nell’analisi linguistica dei testi, letterari e non letterari, anche sul piano della grammatica storica.

D'ACHILLE PAOLO

scheda docente | materiale didattico

Programma

Il dialetto di Roma dal Medioevo ai nostri giorni



Testi Adottati

1) Pietro Trifone, Storia linguistica di Roma, Roma, Carocci, 2008.
2) Marcello Teodonio, La letteratura romanesca. Antologia dei testi dalla fine del Cinquecento al 1870, Roma-Bari, Laterza, 2004.
3) Paolo D'Achille, Antonella Stefinlongo, Anna Maria Boccafurni, Lasciatece parlà. Il romanesco nell'Italia di oggi, Roma, Carocci, 2012.

Gli studenti frequentanti possono sostituire alcuni capitoli dei volumi 2-3) con gli appunti e i materiali forniti a lezione.



Modalità Erogazione

Lezioni frontali con partecipazione attiva degli studenti. Le lezioni possono essere frequentate in presenza o a distanza, secondo le regole e le procedure stabilite dall'Ateneo, ma non verranno registrate. La frequenza è consigliata, ma il programma è lo stesso per tutti.

Modalità Frequenza

Il corso intende presentare la storia linguistica di Roma, ripercorrendone gli eventi più salienti (sia dal punto di vista linguistico che storico-culturale) a partire dalle prime testimonianze del volgare. Particolare attenzione sarà dedicata all'analisi della situazione contemporanea del romanesco, anche inserito nel più ampio contesto italiano. L'analisi della nascita e dell'evoluzione del volgare di Roma sarà accompagnata dalla lettura e analisi di testi particolarmente rilevanti, utili a completare il quadro storico-linguistico fornito.

Modalità Valutazione

L’esame è orale e si svolge a fine corso. Non sono previste prove intermedie. L’esame verterà sui testi in programma e sugli argomenti presentati nel corso delle lezioni. L’esame consiste in un colloquio sugli argomenti del programma al fine di verificare: 1) la profondità e l’ampiezza delle conoscenze acquisite; 2) la proprietà di linguaggio; 3) la capacità di collegare criticamente temi e problemi affrontati.