Profilo scientifico

RICERCATRICE UNIVERSITARIA

Settore scientifico disciplinare: L-ART/02 (Storia dell’arte moderna)
E-mail: patrizia.tosini@uniroma3.it
Studio: stanza Docenti del CdL di Scienze dei Beni Culturali, via Ostiense 234, 00144 ROMA

PROFILO SINTETICO

Patrizia Tosini è ricercatore di Storia dell’arte moderna presso l’Università di Roma Tre. Si è laureata presso la Sapienza – Università di Roma (1991), dove ha conseguito il diploma di specializzazione in Storia dell’arte (1994) e il dottorato di ricerca (1998) con una tesi sul pittore Girolamo Muziano (1532-1592).

Ha ottenuto varie borse di studio internazionali, tra cui quella della British Academy – Accademia dei Lincei (1995), la Paul Mellon Visiting Senior Fellowship del CASVA (Center for Advanced Study in Visual Arts – Washington DC) (2011); l’Advanced Research Fellowship dell’Italian Academy – Columbia University (2014). E’ stata inoltre Visiting Scholar presso l’Institute of Fine Arts – NYU (2016) e del Department of Art History – NYU (2017).

Nel 2011-2013 è stata coordinatrice responsabile dell’unità locale del progetto ministeriale PRIN 2009 I cardinali della Serenissima: arte e committenza tra Venezia e Roma (1523-1605) (in collaborazione con l’Università di Udine).

È membro del progetto di ricerca spagnolo Dibujo Italiano y Español del siglo XVI en la Biblioteca Nacional de España, dell’Universidad de Alcalà (Ministerio de Economia y Competitividad, 2018-2020).

Ha organizzato le conferenze internazionali Arte e committenza nel Lazio nell’età di Cesare Baronio (2007); Intrecci virtuosi. Letterati, artisti e accademie tra Cinque e Seicento: Roma e Firenze (2015); Tra Campidoglio e Curia: l’Ospedale del SS. Salvatore in età moderna (2017), oltre alle sessioni del convegno annuale di RSA (Renaissance Society of America) di Berlino 2015; Boston 2016 e Chicago 2017.

Ha partecipato in qualità di relatore a diversi convegni nazionali e internazionali, tra cui: Tradizione, innovazione e modernità: il disegno a Roma tra Cinque e Seicento (Roma, British School, 2018); Aiutando l’arte: Les inscriptions dans les décors tridentins d’Italie (Parigi, INHA, 2018); Caravaggio e i letterati (Roma, Bibliotheca Hertziana, 2018); Freises peintes. Les décors des villas et palais au Cinquecento (Roma, Academie de France, Villa Medici, 2011); Il mito di Diana. Arte Letteratura Musica (Torino, Reggia di Venaria, 2010); Unità e frammenti di modernità. Arte e scienza nella Roma di Gregorio XIII Boncompagni (Roma, American Academy, Università La Sapienza, 2004).

I suoi interessi di ricerca vertono sulle arti a Roma e nel Lazio in età di Controriforma dalla metà del Cinquecento ai primi decenni del Seicento, argomento che ha iniziato a indagare a partire dalla mostra Roma di Sisto V (Roma, 1993). Ha proseguito i suoi studi, dedicando numerosi articoli e monografie ai principali artisti della seconda metà del Cinquecento a Roma (Giovanni De’ Vecchi, Federico Zuccari, Ferraù Fenzoni, Pirro Ligorio, Federico Barocci, Girolamo Muziano, Giovanni Battista Ricci da Novara, Giovan Battista Lombardelli, Pasquale Cati, Giulio Mazzoni), affrontandone il tema della produzione pittorica e grafica e analizzando le dinamiche dei grandi cantieri ad affresco, in particolare nei pontificati di Gregorio XIII e Sisto V. In tempi più recenti si è dedicata ai rapporti tra accademie letterarie e artisti e alla poesia ecfrastica nei primi decenni del Seicento a Roma.

Ha svolto in passato (1994-2004) attività di funzionario archivista e storico dell’arte presso il Ministero degli Affari Esteri e dei Beni Culturali, lavorando presso la Galleria Estense di Modena e l’Archivio di Stato di Roma.

È stata inoltre docente a contratto presso l’Università della Tuscia (2000-2005) e nel 2005 è diventata ricercatore presso l’Università di Cassino e del Lazio Meridionale, dove è stata in servizio fino all’ottobre 2018.

Ha ottenuto l’abilitazione scientifica nazionale a professore di I (2016) e II fascia (2012).

Attività di ricerca in corso
  • Giovan Battista Marino e i suoi rapporti con l’ambiente artistico romano.
  • Cappelle nelle chiese di Roma tra Cinque e Seicento: forma, funzione e significato.
Campi di interesse
  • Arti figurative a Roma e nel Lazio nell’età della Controriforma.
  • Progettazione grafica per i cantieri ad affresco nel Cinquecento.
  • Pittura e disegno di paesaggio a Roma nel Cinquecento.
  • Committenze famigliari romane tra Cinque e Seicento.
  • Rapporti tra accademie letterarie e artisti nel Seicento a Roma.

I commenti sono chiusi.