14/10/2019 – Interpreting Ancient Festivals: Identities in Motion in the Greek World. Workshop

Gli anni ’80 hanno segnato un momento decisivo nello studio delle feste nell’antica Grecia. Sulla falsariga di ricerche innovative nell’ambito della storia moderna come quelle di Edward Muir, gli studiosi della storia e della letteratura antica hanno cominciato a sviluppare alcune recenti acquisizioni nei campi dell’antropologia e delle scienze sociali.
In un saggio sulle feste greche in età arcaica del 1987, W. R. Connor affermava che “i rituali civici erano commenti sulla città, sulle sue dinamiche interne e sul suo rapporto con il mondo esterno. Nel commentare realtà civiche, i rituali illustravano una sistemazione ideale di rapporti umani, creavano una forma di istruzione che stimolava o alterava alcune idee politiche o sociali di natura formale, fornivano uno strumento di interscambio tra le classi abbienti, le elite colte e le masse”. Seguendo Muir, Connor sosteneva che, nell’antica Grecia così come nella Venezia rinascimentale, le feste e le cerimonie pubbliche erano “parte dell’espressione simboliche delle tensioni civiche”, “un testo difficile da leggere ma in ultima analisi eloquente sulla natura della vita civica”.
Il workshop organizzato dal Dipartimento di Studi Umanistici di Roma Tre mira a sviluppare ulteriormente la metafora delle feste e dei rituali civici come “testi eloquenti” esplorandone il potenziale euristico, soprattutto in termini di creazione, discussione o contestazione delle identità collettive. Come possiamo leggere questi “testi”?
Senza dubbio le feste sono eventi dalle molteplici sfaccettature che attivano linguaggi eterogenei, spesso connessi inestricabilmente fra di loro; gli atti rituali, ad esempio, sono condotti sullo sfondo di spazi civici o sacri che hanno la propria autonomia “semantica”.
In che modo si creano e/o comunicano significati entro questa cornice più ampia? In che modo questa cornice comunicativa è in rapporto con problemi più vasti di identità individuali a vario livello (ad es. classi sociali, città autonome, network più generali) oppure collettive (ad es. dal punto di vista culturale, sociale, politico e religioso)? In che modo i diversi approcci della ricerca odierna possono contribuire all’impegno collaborativo dell’interpretazione di questi fenomeni complessi?
Queste sono alcune delle questioni che vorremmo esplorare durante il nostro workshop, che vuole essere un forte incoraggiamento all’interazione dinamica fra diversi ambiti di specializzazione scientifica (archeologia, epigrafia, storia, storia delle religioni, letteratura), nella speranza di discutere e sviluppare metodologie che vadano al di là dei limiti disciplinari.

Conveners: Mariachiara Giorda (Roma Tre) (mariachiara.giorda@uniroma3.it) | Massimo Giuseppetti (Roma Tre) (massimo.giuseppetti@uniroma3.it)

Speakers: R. Fabiani (Roma Tre), R. Gagné (Cambridge), M. Giuseppetti (Roma Tre), J. Hanink (Brown), V. Parisi (Roma “La Sapienza”), M. Nafissi (Perugia), N. Spineto (Torino)


Programma

Lunedì 14 ottobre 2019
Sala del Consiglio
Dipartimento di Studi Umanistici – Università Roma Tre
Via Ostiense 234 – 00146 Roma
Mattina

Presiede Adele-Teresa Cozzoli (Roma Tre)

Ore 9.30 Alberto D’Anna (Vicedirettore, DSU) Saluti

Ore 10.00 Natale Spineto (Torino) ‘Tempo sacro determinato da leggi’. Osservazioni sui significati della festa in Grecia

Ore 10.30 Renaud Gagné (Cambridge) Virtual Cult: Mimesis and Participation in the Delphic Septerion

Ore 11.00 Coffee break

Ore 11.30 Massimo Nafissi (Perugia) Sparta allo specchio dei Greci: i giovani e Orthia dal furto alla diamastigosis

Ore 12.00 Discussione

Pomeriggio

Presiede Mariachiara Giorda (Roma Tre)

Ore 15.00 Johanna Hanink (Brown) Civic Choreography in Classical Athens

Ore 15.30 Valeria Parisi (Campania “Luigi Vanvitelli”) Colonie in festa. Qualche riflessione sugli aspetti archeologici delle feste nelle città della Magna Grecia

Ore 16.00 Coffee break

Ore 16.30 Massimo Giuseppetti (Roma Tre) La gloria del momento opportuno: Dioniso, Atene e Demetrio Poliorcete

Ore 17.00 Roberta Fabiani (Roma Tre), Degna della dea e della comunità: la festa di Artemis Kindyas a Bargylia nella tarda età ellenistica

Ore 17.30 Discussione

Ore 18.00 Conclusioni

La partecipazione al workshop è valida come aggiornamento per i docenti della scuola secondaria. Il workshop è stato inserito nel portale S.O.F.I.A. del MIUR ed è sufficiente cercarlo nell’offerta pubblicata dall’Università degli Studi Roma Tre. Per qualsiasi informazione ci si può rivolgere a Massimo Giuseppetti (massimo.giuseppetti@uniroma3.it).

I commenti sono chiusi.